Safe wave




Fra i risvolti negativi dello sviluppo industriale, vi è senza dubbio l’incremento costante dell’inquinamento da rumore. Specialisti ed esperti di tutto il mondo sono concordi nell’imputare ad esso tutta una serie di conseguenze dannose per l’organismo umano. Il rumore è causa di gravi danni per il sistema nervoso, per quello cardiovascolare e per l’apparato digerente.

A ciò si possono pertanto far risalire una buona percentuale di assenze dal lavoro con evidenti conseguenze economiche, da sommarsi ad errori di esecuzione, cali di rendimento ed infortuni.
La prima conseguenza è la perdita dell’udito causato dalle alte frequenze: l’ipocusia professionale.
Questa patologia invalidante comporta evidenti disagi a chi ne viene colpito e provoca un aggravio di costi sociali, previdenziali e sanitari tanto per i pazienti, quanto per le aziende. Risulta perciò evidente la necessità di un intervento concreto, mirato ad eliminare le cause del rumore, spesso inevitabile in molti processi industriali. Laddove, per l’appunto, per ragioni tecnologiche non sia possibile intervenire efficacemente in questo senso, sorge l’esigenza di adottare un protocollo di protezione individuale verso chi è sottoposto a traumi acustici.

L’esperienza insegna che l’uso dei comuni dispositivi personali usa e getta è troppo spesso discontinuo e non garantisce inoltre un’adeguata protezione acustica, la loro conformazione provoca una sensazione di fastidio o di isolamento acustico  eccessivo e non sono in grado di offrire condizioni igieniche accettabili.
Non è solo comfort: l’efficacia di APHONOUR è comprovata da risultati ottenuti da analisi acustiche effettuate da Enti altamente qualificati che ne hanno certificato l’elevata performance.

La validità di APHONOUR è determinata da una serie di caratteristiche peculiari che lo differenziano nettamente dai prodotti tradizionali sotto il profilo della fedeltà fisionomica, della sicurezza e della praticità.
Gli attenuatori acustici APHONOUR sono strettamente ed esclusivamente personali, perché si ottengono dall’impronta dell’orecchio dell’utente e quindi sono estremamente fedeli alla sua specifica anatomia; tale assenza di “gioco” rende il dispositivo assolutamente asintomatico.

Altra caratteristica essenziale è il materiale di fabbricazione: il metacrilato di metile (resina acrilica di uso dentale che si impiega anche nell’applicazione di protesi acustiche).